Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog

Post recenti

SUPERGLADIO SOVRANAZIONALE MELANIA E RIPE DI CIVITELLA

13 Ottobre 2013 , Scritto da CDD Comitato di Coordinamento Difendiamo la Democrazia

SUPERGLADIO SOVRANAZIONALE MELANIA E RIPE DI CIVITELLA

CLICCA SULLO SHARE BUTTON E POI CONDIVIDI CON 19 SOCIAL NETWORK E  SOSTIENI E DIFFONDI  Share SHARE
  
 
ATTENZIONE POST A PIU' STADI CHE SEGUE UNA LOGICA PROGRESSIVA , VOLTA PER VOLTA VIENE RICOPIATO NEI COMMENTI SOTTO SINO A 12 TOGLIENDO OGNI VOLTA UNO STADIO IN PROGRESSIONE . LA SEQUENZA DISEGNA UN ARTICOLO CHE TRA DUE MESI POTREBBE SVELARE IL CASO di Ripe di Civitella E IL CASO SUPERGLADIO.
COPIATELO PER INTERO E SEGUITE LE BANALI IINDICAZIONI .. DOPO AVER LETTO IN SEQUENZA E RIFLETTUTO E SE AVETE CAPITO SUPERANDO SGOMENTO E GIOIA (DI AVER CAPITO SINO IN FONDO).
 
0.
SUPERGLADIO SOVRANAZIONALE MELANIA E Ripe di Civitella
 
 
 
 
 
 
11.
 
Questa organizzazione deviata e non pubblica, piuttosto esiste , e non è “la” porzione dirigente della super casta: è la organizzazione criminale di stampo mafioso prevista e sanzionata dall’art. 416 bis del codice pedale, che tramite omertà e paura ingenerata, occupando e controllando sempre più ferreamente i gangli e i poteri statuali, gestisce per fini propri ultimi o strumentali, sviando le funzioni rivestite od attenzionate e piegate, attività spesso sotterranee e criminali, anche di gravità inaudita.
 
Vì è un progetto ed una organizzazione dietro, ed una teoria e un “manuale”
 
13.
REPETITA IUVANT: I TRE PROFILI DI CENTRALITA' ED IMPORTANZA DELLA GRANDEDISCOVERY.
 
IL NEGAZIONISMO o REVISIONISMO DELLA GRANDEDISCOVERY, "SERVIZIEVOLI" .
 
Chiudiamo provvisoriamente da oggi la attività di informazione sui blog, per conclusione del primo stadio e raggiungimento del risultato . Ma affidiamo a tutti la opera di costante e metodica diffusione, che richiede solo scegliere post o video e diffonderli e commentarli collettivamente, senza sosta , ineluttabilmente , con dedizione pari alla causa ed all'obiettivo comuni, per far crescere consapevolezze e metodo di conoscenza .
LA PROVA STORICA DOCUMENTALE .
Francesco Carnelutti, un noto ed insigne giurista , nella voce "Documento - Teoria moderna" del Nuovissimo Digesto Italiano, 1957, pag 35 ss , ( enciclopedia dedicata al mondo giuridico ed agli istituti del diritto) , definiva il documento come una " cosa che fa conoscere un fatto " e che, come tale , si contrappone alla testimonianza , che è invece una narrazione che proviene da una persona che racconta ciò che è accaduto sotto la sua diretta percezione .
IL documento ( che non sia solo prova e verbalizzazione del racconto o ricostruzione ed analisi sula base di questo ) ha quindi una sua oggettiva consistenza, una valutabilità infinitamente rinnovabile ed è in grado di illustrare un fatto di per sè ed in sè.
IL documento può essere di vari tipi ovviamente, e deve essere di provenienza certa e originale .
Tra i documenti la PROVA AUDIO ha ovviamente ( per la digitale ed incontestabile entità oggettiva ) un peso fondamentale , così come ancor più il documento VIDEO . E non è certo banale la osservazione secondo cui, attivando udito e vista si arriva al centro di capacità cognitive e di sfere interiori e di intelligenza che la semplice parola scritta tocca con maggiore difficoltà.
Nelle consistente certezza delle prove audio si fonda in parte cospicua la portata storica e la ( relativa ) unicità della grandediscovery, unitamente alla mole e portata dei documenti che la sorreggono ed agli audio che accompagnano ( registrazioni ulteriori ) le vicende successive , inchiodando alle loro iniziative ed attività un cospicuo numero di persone coinvolte .
Nonostante questo vi è una vulgata "da ultima spiaggia" secondo la quale , la grandediscovery non avrebbe nè ruolo nè importanza ed avrebbe "meramente" illustrato fatti già conosciuti in generale.
Questa vulgata viene addirittura da persone "laureate in legge" e suona come la forma ultima del tentativo di ridurre all'insignificante, ed arginare una scoperta, e metodo di scoperta, che in realtà sono unici per vicende di tal fatta , proprio anche a partire dal profilo documentale ma anche per contesti e contestualizzazione da parte di testimone "non ordinario". 
SEGUE ...........................
 
14. 
IL POTERE DEL PENSIERO E DELLA PAROLA CHE NON MENTA 
" Martedì 11 novembre mattina file copia di ABR 6.waw 40° min Si sente un suono particolare poi S. che canta “in paradise” AD ( KATIA ) la incalza con tono innaturale da bambola meccanica “Ah_bèdèlta_dàì” Sabrina con voce infantile e anomala “ che fai ?! "
Pomeriggio dell’11 Novembre 2008 dalle ore 19 c.a. FILE ABR7.waw al minuto 7 c.a S. " je piaccio" con cantilena parlata musicaleggiante al min 7 e 14 sec bambino di di sesso maschile esclama a voce chiara tra l’incredulo e l’ammirato, mentre S. si è appena allontanata è in cucina R “ quant’è bella ….“ posizionato dinanzi al computer portatile .
Dal m 37 e10 s. il gruppo avvisato si allontana rapidamente "ah ecco… torniamo indietro. ritorniamo indietro .. capito ?!" S. alla frase interrogativa ultima risponde con due " sì ... sì" pronunciati con tono àtono da automa ed ancora l'altro uomo nel gruppo “ Se torniamo indietro non c’è nessuno ?! “ alla richiesta interrogativa con accentuazione ultimativa Sabrina risponde con altri due" sì ... sì" pronunciati con tono da automa. L’uomo prosegue “ Il resto a domani “ ..con pronuncia assertiva “ Fai la parte “ sempre con pronuncia assertiva e accentuazione sonora a salire verso l’alto. . .Vi sono di seguito altre frasi ed ordini tra cui “ dobbiamo apparire ?! dobbiamo apparire dobbiamo riapparire ?!?!“” dati in rapida ed affrettata sequenza e ulteriori sì ripetuti da Sabrina con tono àtono in cadenza a fronte di ogni richiesta e frase dell’interlocutore . Prima che se ne vadano in fretta S chiede " dove andate ?!?! " con voce infantile e inconsapevole ( abitano lì e sopra e sotto ) . L'uomo poi rassicura il gruppo concitato con tono professionale e autorevole " con calma .. per venire ci chiama .."
                
 
 
 
 
 
SCOOP  









 
 
CANALE VIMEO CDD
 

CLICCA SULLO SHARE BUTTON E POI CONDIVIDI CON 19 SOCIAL NETWORK E  SOSTIENI E DIFFONDI  Share SHARE              
SUPERGLADIO SOVRANAZIONALE MELANIA E RIPE DI CIVITELLA
Mostra altro

I TRE PROFILI DI CENTRALITA' ED IMPORTANZA DELLA GRANDEDISCOVERY. IL NEGAZIONISMO o REVISIONISMO DELLA GRANDEDISCOVERY "SERVIZIEVOLI"

8 Ottobre 2013 , Scritto da CDD Comitato di Coordinamento Difendiamo la Democrazia

I TRE PROFILI DI CENTRALITA' ED  IMPORTANZA DELLA GRANDEDISCOVERY

IL NEGAZIONISMO o REVISIONISMO DELLA GRANDEDISCOVERY  "SERVIZIEVOLI" .

Chiudiamo provvisoriamente da oggi la attività di informazione , per conclusione del primo stadio e raggiungimento del risultato . Ma affidiamo a tutti la opera di costante e metodica diffusione, che richiede solo scegliere post o video e diffonderli e commentarli collettivamente, senza sosta , ineluttabilmente , con dedizione pari alla causa ed all'obiettivo comuni, per far crescere consapevolezze e  metodo di conoscenza .   

 

1. LA PROVA STORICA DOCUMENTALE . 

Francesco Carnelutti, un noto ed insigne giurista , nella  voce "Documento - Teoria moderna" del Nuovissimo Digesto Italiano, 1957, pag 35 ss , ( enciclopedia dedicata al mondo giuridico ed agli istituti del diritto) , definiva il documento come una " cosa che fa conoscere un fatto " e che,  come tale ,  si contrappone alla testimonianza , che è invece una narrazione che proviene da una persona che racconta ciò che è accaduto sotto la sua diretta percezione .

IL documento (  che non sia solo prova e verbalizzazione del racconto o  ricostruzione ed analisi sula base di questo )  ha quindi una sua oggettiva consistenza, una valutabilità infinitamente rinnovabile ed è in grado di illustrare un fatto di per sè ed in sè. 

IL documento può essere di vari tipi ovviamente, e deve essere di provenienza certa e originale . 

Tra i documenti la PROVA AUDIO ha ovviamente ( per la digitale ed incontestabile entità oggettiva ) un peso fondamentale , così come ancor più il documento VIDEO . E non è certo banale la osservazione secondo cui,  attivando udito e vista si arriva al centro di capacità cognitive e di sfere interiori e di intelligenza che la semplice parola scritta tocca con maggiore difficoltà. 

 

Nonostante questo vi è una vulgata "da ultima spiaggia"  secondo la quale , la grandediscovery non avrebbe nè ruolo nè importanza ed avrebbe "meramente" illustrato fatti già conosciuti in generale. 

Questa vulgata viene addirittura da persone "laureate in legge" e suona come la forma ultima del tentativo di ridurre all'insignificante, ed arginare una vicenda di scoperta,  e metodo di scoperta,  che in realtà sono  unici per vicende di tal fatta ,  proprio anche a partire dal  profilo documentale . 

SE qualche pseudo giurista pseudo complottista argomenterà in tal modo , tra un post ed un commento, o in pvt ... la risposta nostra e vostra sarà : i documenti audio corroborati dalle indicazioni ed altri documenti contestualizzati attraverso la deposizione diretta di un ( ex,  per rappresaglia a sua scelta coraggiosa ) magistrato, sono un fatto unico e mai avvenuto prima con riguardo a vari aspetti rilevanti nella vicenda . 

 

2. LA SPECIFICA PORTATA E L'EPICENTRO SCOPERCHIATI. 

Vi è poi il contesto militare coperto con la partecipazione di un corpo di elite a vocazione "sovranazionale " e i ruoli di militari nostrani ma soprattutto di psichiatri e magistrati direttamente impegnati . e direttamente scoperti ed allo scoperto messi , nelle loro attività criminali. Questo è il secondo profilo in base al quale la Grandediscovery ha un valore ed ha assolto un ruolo essenziali per dare forza verificabile e concretezza alle conoscenze di chi vuole controllare attività criminali ed illegalità gestite all'ombra dei poteri più forti e sotterraneamente sviluppate e finalizzate . 


MA ha anche una funzione propedeutica e una forza propellente per chi oggi si deve confrontare con la esigenza di una alternativa e svolta epocale visto anche lo specifico pericolo in campo e la sua reale dimensione , ripetiamo " sovranazionale " . 

 

3. NEL CASO FERRARO IL CASO SUPERGLADIO E SESSANTA ANNI . 

Vi è difatti  il terzo aspetto che riguarda la valenza generale delle vicende,  la loro finalizzazione contro un/il magistrato Paolo Ferrato e la questione delle qualità note e caratteristiche "studiate" dello stesso , nonchè della ragionevole ricostruzione che , in concreto e mediante documenti, porta a valutare una effettiva attività gestita per lungo tempo con metodologie che sembrerebbero tratte da un film dalla Truman Show struttura . 

Solo che è tutto vero e tutto concretamente apprezzabile . 

Il che significa che chiunque leggerà capirà e rifletterà,  avrà impresso dentro di se una reale e condivisibile consapevolezza CONCRETA,  acquisita dal vaglio concreto di fatti documentati in modo diretto, con le dirette impressioni che anche l'ascolto concentrato di audio non può non comportare . 

 

" Martedì 11 novembre mattina file copia di ABR 6.waw  40° min Si sente un suono particolare poi S che canta “in paradise” AD ( KATIA ) la incalza con tono innaturale da bambola meccanica “ Ah_bèdèlta_dàì” Sabrina con voce infantile e anomala “ che fai ?! "

Pomeriggio dell’11 Novembre 2008 dalle ore 19 c.a. FILE ABR7.waw al minuto 7 c.a S. " je piaccio" con cantilena parlata musicaleggiante al min 7 e 14 sec  bambino di  di sesso maschile esclama a voce chiara tra l’incredulo e l’ammirato, mentre S. si è appena allontanata è in cucina “ quant’è bella …. posizionato dinanzi al computer portatile .

Dal m 37 e10 s. il gruppo avvisato si allontana rapidamente "ah ecco… torniamo indietro. ritorniamo indietro .. capito ?!"  S. alla frase interrogativa ultima risponde con due  " sì ... sì" pronunciati con tono àtono da automa ed ancora l'altro uomo nel gruppo  “ Se torniamo indietro non c’è nessuno ?! “ alla richiesta interrogativa con accentuazione ultimativa Sabrina  risponde con altri due" sì ... sì" pronunciati con tono da automa. L’uomo prosegue “ Il resto a domani “ ..con pronuncia assertiva “ Fai la parte “ sempre con pronuncia assertiva e accentuazione sonora a salire verso l’alto. . .Vi sono di seguito altre frasi ed ordini tra cui “ dobbiamo apparire ?! dobbiamo apparire dobbiamo riapparire ?!?!“” dati in rapida ed affrettata sequenza e ulteriori sì ripetuti da Sabrina  con tono àtono in cadenza a fronte di ogni richiesta e frase dell’interlocutore . Prima che se ne vadano in fretta S chiede " dove andate ?!?! " con voce infantile e inconsapevole ( abitano lì e sopra e sotto ) . L'uomo poi rassicura il gruppo concitato con tono professionale e autorevole  " con calma .. per venire ci chiama .." 

 

Per ascolto solo audio corrispondente clicca quì sopra 

 

 

  

 

Non lo avevano capito  che questo sarebbe stato il prezzo pagato da loro, in una insensata attività di tentata distruzione, ma neanche lo avevano capito coloro che avevano il compito "esterno" di circondare e circuire,  accompagnare per far sì che il messaggio fosse relegato in apposite CERCHIE RISTRETTE,  dando l'illusione mera della sua diffusione e contemporaneamente sminuendo , e pettegolezzando , sotto sotto.  

 

SE non ci fossero stati però centinaia di militanti della verità informativa , la Forza Nuova di  Roberto Fiore ( che di trame deviate,  patite anche sulla sua  pelle,  ne sa), 

 

 

il coraggio e acume "kamikaze" di Gino Marra, degno di un intellettuale indomito  e capace di essere al contempo l'avvocato ed il politico concreti,  

 

 

"Auspichiamo che il  presidente Ciancio, si  sforzi di ascoltare un po’ per bene le registrazioni poste a sua disposizione,  e messe in rete anche,  da Paolo Ferraro, anche perché c’è un punto in cui sembra "anche" esserci la voce in ’audio  di un bambino zingaro,

e "anche"  dei lamenti infantili, un rumore come di un colpo inferto che li interrompe, due sospiri tremanti della trattata Sabrina e una sollecita altra e diversa  roca voce femminile che invita " cavernosa e stregonica  "  a fornire  degli stracci ,

e, tra le altre,  la presenza sempre di probabile bambino zingaro incerto nel parlare e leggere,  prima di attività inequivocabilmente  pedofile e parafiliache ,  con la incredibile presenza finale di altro uomo che, appena bussato piano alla porta ed entrato,  saluta astante con l'appellativo " hei Polpot "  !?) , 


e persino  prove pressochè inequivocabili nel preciso contesto del trattamento della Sabrina, " ah bèdèlta dài "  , secondo metodologie di ascendenza militare segreta   ( ma desecretata nel 2007 la prova dei relativi progetti attuati,  MK-ULTRA e MONARCH  risultando disponibile persino la banca dati della CIA messa a disposizione in rete "anche", ulteriormente,   da Paolo Ferraro  ) , 

 ed infine, tra l'altro,  la certezza che un gruppo di militari donne e  bambini presenti si allontanino al suo ritorno a casa,  impartiti ordine di " tornare indietro " al gruppo,  e da uno dei militari,  subito dopo comandi di condizionamento  alla Sabrina , per dismettere il ricordo del recente accaduto, riprendere cognizione di essere stata ed essere sola a casa ( " se torniamo indietro non c'è nessuno ?!?! " ),   e riattivare  la personalità dedicata alla "trappola ", ( personalità che. con la effettiva impronta vocale della donna , "ricompare" alla fine del breve audio ),   non dimenticando di imporre  l'appuntamento pressante  per il giorno  giorno dopo " a domani .. fài la pàrte " ) con  la cortesia immaginifica da trattamento mentale che  precostituisce il consenso indotto  alla prosecuzione della attività scissa l'indomani  ( " dobbiamo apparire , dobbiamo riapparire ?! " ) , 

né manca tra la assurda scelta di tonalità vocali e di "gestione" della Sabrina, la voce cantilenata e semi-magica della Maria ( definita da Paolo donna autorevole e scortata , nel MEMORIALE ) che insuffla con tono assurdamente flautato, in contesto che ben si intende :  " ma lui stà là ... aiuta Mary ... ma tù  aiuta là " .. ?!)

se non ci fosse stata la curiosità e intelligenza di Salvo Mandarà 

 

 

e dei militanti e cittadini del movimento cinque stelle insieme al mondo dei veri sani intelligenti "ex etichettati" complottisti,  già del Manifesto o già di destra o già cristiani e cattolici, 

 

 

oggi la grandediscovery non avrebbe ottenuto il massimo risultato immaginabile e possibile e forse non sarei quì a spiegare ed illustrare .

 

4. LA Grandediscovery e la ricostruzione  storica agevolata e potenziata . 

A cosa porti ed abbia portato la grandediscovery lo avrete visto sotto i vostri occhi e anche attraverso le vostre orecchie, ma pochi o nessuno immaginavano che, da Dallas a Brindisi,  avrebbe contribuito "premeditatamente " ( da parte mia ) a disegnare una ricostruzione sistematica degli eventi centrali del nostro paese e nell'occidente, negli ultimi  sessanta anni,  precedendo iniziative giudiziarie e discovery di magistrati altri .  Un solco tracciato prima,  e chiaro . 

 

 

E molti meno immaginavano che ne sarebbe emersa una ricostruzione del metodo e  della scienza 

 

 

e un quadro organico di riferimento 

 

 

 

 

Certo ora nessuno potrà anche solo insufflare che non si capisce di chi io parli e di cosa si tratti e di quanto pericolosa sia la 

ascendenza multipla della cordata trasversale .. di cui mi sono occupato .. 

 

 

 

E parlarne già a Resana nella primavera del  2012 , grazie alla associazione che più mi è sembrata coesa ed aperta a ciò , fu un atto di discreto coraggio . 

 

 


Tra i risultati odierni annovero anche la vergogna e dimostrazione di chi siano, i finti giornalisti ed intellettuali  della informazione e contro informazione, e i finti politici di base, che hanno accuratamente taciuto, nascosto e contribuito ad isolare o sottovalutato spudoratamente o "sine gnoscere" ( ignoranza e mancanza di conoscenza, voluta o meno,  sono pressochè parenti stretti ).   

Tra essi primo tra i peggiori, perchè per vari motivi necessariamente  il più consapevole e apparentemente il più vicino,  Ferdinando Imposimato, appoggiato  da chi non ha capito ancora alcune profonde ed  essenziali differenze  ( o da chi fa finta di non capirle,  avendo ben capito che Imposimato può essere  un utile  antidoto al male peggiore,  rappresentato dalla  vera grandediscovery) . 

Differenza incommensurabile,  tra chi, a distanza di quaranta anni disegna anche pseudo complottisticamente e genericamente un quadro a lui noto da 40 anni , infiorettando generiche affermazioni del tipo " è stato il Bilderberg" e poi cntradditriamente "il male dei mali è Berlusconi ". Tutto ciò  proprio quando la grandediscovery ha già fatto breccia,  e chi scrive ora,  sulla propria pelle, ultimo dei Mohicani forse , ma certamente ultimo  di una scuola di magistrati democratici veri, ha ricostruito  una intera cordata di apparato deviata ancora molto più che in pieno servizio e pericolosamente  attiva a livello alto, e sovranazionale, sin dall'inizio degli anni novanta, già figlia ed ora madre della degenerazione e del controllo deviato dello Stato . 

 

Ma i Travaglio, i Rodotà silenti,  i giornalisti di quarto grado,  chi l'ha visto e molti altri hanno anche loro responsabilità macroscopiche e gravissime,   più di chi nelle istituzioni stesse ha integralmente taciuto per ossequio ai diktat violenti e sotterranei dell'apparato non più segreto e disvelato : LA SUPERGLADIO.  

Intorno a questa nozione o in epoca coeva  ( ! ) si è poi consumato guarda caso, il semi-divorzio odierno, dalla prima cerchia di coloro che almeno diedero voce ad analisi e denunce.   

 

 

 

Ora possiamo persino agevolmente  far capire  perchè un massone  di scuola deviata e di  ascendenze conformi   con vanti criminali suoi ... ci abbia dato uno spazio di espressione, piombatoci tra capo e collo, quando ovviamente di gente e categorie di tal fatta eravamo a buona ragione abbastanza digiuni ..

 

 

 

e così sappiamo logiche metodiche e ruolo del filone a cavallo tra servizi ,  controinformazione pubblicitaria  , militanza anticattolica e filo "harleydavidsonismo"  ... un filone emerso allo scoperto  e senza pudori nella sua natura ed essenza,  proprio di recente ,  ma sempre sotto i colpi "meditati" della grandediscovery... 

 

 


 

¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶¶


Anche grazie a tutto ciò dichiariamo morto il complottismo deteriore e messi all'angolo i complottisti dell'opportunismo ed i complottisti della disinformazione o informazione abborracciate con dolo o colpa grave . 

Ora resta solo prendere atto che la importanza del terreno sotterraneo e delle iniziative di queste cordate deve anche incidere sulle priorità della azione politica e collettiva . 


La prima battaglia per la/le sovranità è in ordine di priorità temporale la distruzione degli apparati segreti e dei sistemi deviati gestiti con la copertura e complicità collusa di spezzoni controllati delle istituzioni, altrimenti, come Penelope fece, quel che tesseremo di giorno,  di notte  con grande facilità lo disferanno.

 

 

Magari ammantandosi o coprendosi interiormente  di intenti segreti, pseudo rivoluzionari o con ulteriori coperture immancabilmente trasversali ed incrociate,  e ruoli interpretati "conformi" alle regole della massoneria giuridica e non  . 

 

Persino la sovranità monetaria va bene a loro, a tal fine , purchè gestita da una delle tante piccole teste ... 

 


E al risultato di controllo potente e sotterraneo sono giunti con metodologie e attività a dir poco "geniali", pressando,  sino al "relativo" controllo,  Stato, società  apparati e magistratura in forme che usavano di tutto ed anche dinamiche e fatti criminali apparentemente mossi e su altri piani . 

SE una sintesi occorresse,  dicono " per far capire ",  essa è " LEGGETE ASCOLTATE E CAPITE " : chi lo sta facendo sta costruendo la sua coscienza ed il nostro futuro.  

Chi parla di altro , dicendo " non si capisce perchè è prolisso" , e poi "non si capisce perchè sintetico ma non spiega e dimostra",   e poi,  "mostra e dimostra ma la gente ha altro a cui pensare" ,  sta solo costruendo la sua delegittimazione .. od esce allo scoperto .. tardivamente ... 

La parola non Menta goffamente. 

 

PAOLO FERRARO 

 

 

Ma dove vanno .. ?! 


Una breve premessa , per chi non conosce le vicende a monte ed a valle. Esse sono:

 

  • approfondite sulla pista familiare e sull'uso eterodosso di giudizio civile 

 http://paoloferrarotrumanshowstory.webnode.it/news/a2-la-grande-discovery-pista-familiare-uso-eterodosso-del-divorzio/

 

  • portate a valutazione con dati audio e brogliacci a player integrato

 

  • sviscerate criticamente in sintesi nella lettera aperta al giudice Ciancio integrata con player audio e contestualizzazione di audio

 

http://paoloferrarocdd.blogspot.it/2013/05/marra-le-massonerie-deviate-il-giudice.html

 

  • e del pari pubblicate sinteticamente nella successiva lettera all'Aggiunto Ilda Bocassini

 

http://paoloferrarocdd.blogspot.it/2013/06/cara-boccassini-quello-contro.html 

[ entrambi le lettere parto dell'AVV. Marra Alfonso, con qualche integrazione successiva per rafforzarle con prove e documenti audio immediatamente vagliabili]

 

  • chiarite per gli antefatti anche lontani nei memoriali esposto del 9 ottobre 2012

 

http://paoloferrarocdd.blogspot.it/2012/10/4-memoria-esposto-del-9-ottobre-2012.html e del 3 novembre 2012 http://paoloferrarocdd.blogspot.it/2012/11/5-memoria-esposto-finale-del-3-novembre.html .


Una sintesi iniziale è fornita dalla intervista riportata in calce alla mail informativa

http://cddindex.blogspot.it/2013/04/mail-alla-cortese-attenzione-dei.html , e lo sviluppo di analisi nei post del maggio, giugno, luglio ,  agosto, settembre ed ottobre  2013 in tutti blogs del CDD e primo di essi nel blog

 www.paoloferrarocdd.blogspot.it portano a compimento tutti i dati acquisiti e la ricostruzione del quadro generale di riferimento .


Ma per i pigri inguaribili semplifichiamo qui :

  • un magistrato ( noto, impegnato e ancor più stimato nel mondo giudiziario romano ) viene “messo in mezzo “ con tecniche varie in stile servizi deviati, ma scopre sempre qualche minuto prima quello che non doveva scoprire e che svela un intero vaso di pandora coinvolgente anche mondi militari ed altri ( oltre quello che gli accadeva vicino). 
  • Per tappargli la bocca, visto che continuava ad approfondire e capire, lo sequestrano con una attività costruita a tavolino dalla psichiatria deviata secondo i moduli dell'ancient Tavistock Institute ( ti accerchiano, distruggono famiglie e situazioni personali e poi cercano di tombare il tutto compreso l'accerchiato ).
  • L'operazione non riesce per vari motivi, tra cui carattere coriaceo e speciale attitudini della vittima predestinata, così come falliscono i vari tentativi di inserire step e profili nella vita dello stesso magistrato, un po' ingenuo e puro ma tanto tanto odiosamente intelligente . 
  • Di fronte ad una valanga di prove montante cercano di delegittimarlo per la via della ignominiosa dispensa dal servizio, ma questa è talmente incongrua sul piano della nota e reale professionalità del magistrato che fanno l'ennesimo autogol. 
  • Non paghi perseguono la via del distruggerlo tramite la morte civile e l'infangamento e sinanche la nomina di amministratore di sostegno , dopo aver avviato lo strangolamento economico , destituendolo . 


    Cento conferenze, interviste e trasmissioni , dieci canali video, centinaia di migliaia di notizie e video in rete, la sua presentazione alle elezione come capolista al Senato in varie regioni e la crescita irrefrenabile della coscienza collettiva nonché il suo impegno politico per una alleanza trasversale contro caste e massonerie deviate,  e nuove e dettagliate denunce tutte arrivate a tutti i gangli dello Stato, fanno da contorno alle ulteriori ultime iniziative, sempre più caotiche, disordinate, confuse ed improvvisate a suo danno .

    Mentre si comincia a delineare concretamente una Truman Show story reale ma da leggenda, con tanto di rivelazione da ascolto di tecniche di trattamento mentale, prove concrete verificabili da chiunque, in concreto , di attività criminali etc etc … siamo in attesa della giustizia .. ormai tutta allertata ..

     

 

CLICCA SULLO SHARE BUTTON E POI CONDIVIDI CON 19 SOCIAL NETWORK E  SOSTIENI E DIFFONDI  Share SHARE 
 


SCOOP  



 

 

 
 

 

 

CLICCA SULLO SHARE BUTTON E POI CONDIVIDI CON 19 SOCIAL NETWORK E  SOSTIENI E DIFFONDI  Share SHARE              

I TRE PROFILI DI CENTRALITA' ED  IMPORTANZA DELLA GRANDEDISCOVERY.  IL NEGAZIONISMO o REVISIONISMO DELLA GRANDEDISCOVERY  "SERVIZIEVOLI"
Mostra altro

IL POTERE DEL PENSIERO E DELLA PAROLA CHE NON MENTA

8 Ottobre 2013 , Scritto da CDD Comitato di Coordinamento Difendiamo la Democrazia

Per ascolto solo audio corrispondente clicca quì sopra 

" Martedì 11 novembre mattina file copia di ABR 6.waw  40° min Si sente un suono particolare poi S che canta “in paradise” AD ( KATIA ) la incalza con tono innaturale da bambola meccanica Ah_bèdèlta_dàì” Sabrina con voce infantile e anomala “ che fai ?! "

Pomeriggio dell’11 Novembre 2008 dalle ore 19 c.a. FILE ABR7.waw al minuto 7 c.a S. " je piaccio" con cantilena parlata musicaleggiante al min 7 e 14 sec  bambino di  di sesso maschile esclama a voce chiara tra l’incredulo e l’ammirato, mentre S. si è appena allontanata è in cucina “ quant’è bella …. posizionato dinanzi al computer portatile .

Dal m 37 e10 s. il gruppo avvisato si allontana rapidamente "ah ecco… torniamo indietro. ritorniamo indietro .. capito ?!"  S. alla frase interrogativa ultima risponde con due  " sì ... sì" pronunciati con tono àtono da automa ed ancora l'altro uomo nel gruppo  “ Se torniamo indietro non c’è nessuno ?! “ alla richiesta interrogativa con accentuazione ultimativa Sabrina  risponde con altri due" sì ... sì" pronunciati con tono da automa. L’uomo prosegue “ Il resto a domani “ ..con pronuncia assertiva “ Fai la parte “ sempre con pronuncia assertiva e accentuazione sonora a salire verso l’alto. . .Vi sono di seguito altre frasi ed ordini tra cui “ dobbiamo apparire ?! dobbiamo apparire dobbiamo riapparire ?!?!“” dati in rapida ed affrettata sequenza e ulteriori sì ripetuti da Sabrina  con tono àtono in cadenza a fronte di ogni richiesta e frase dell’interlocutore . Prima che se ne vadano in fretta S chiede " dove andate ?!?! " con voce infantile e inconsapevole ( abitano lì e sopra e sotto ) . L'uomo poi rassicura il gruppo concitato con tono professionale e autorevole  " con calma .. per venire ci chiama .." 

 

 

 

 

  


IL POTERE DEL PENSIERO E DELLA PAROLA CHE NON MENTA

 

di Paolo Ferraro 

 

"La parola è un gran dominatore che, con un corpo piccolissimo e invisibile, è capace di compiere imprese divine". Gorgia, Encomio di elena, 8. 


Il potere della parola e della mente, come atto di analisi e verità, esiste ed è temuto. 

Noi dobbiamo armarci insieme, in modo stabile, di questo potere che ci rende uomini e donne veri : un potere che la stessa massoneria ha svuotato di valore e significato per le genti. 

E che svuota incessantemente anche fingendo di informare e persino controinformare , usando protocolli e strategie ormai scoperte, manipolando vicende e inventando e creando false analisi, false vicende e false realtà , persino. E nascondendo e riservando conoscenze e scienza a circuiti ristretti e controllabili.

LA PAROLA non è certo solo manipolatoria od espressiva di sensi e sentimenti ordinari o di schemi ideologici parziali e "nominalistici ". ( indico un nome e intorno ad esso creo un mito fosse anche positivo, che depaupera persino la analisi che vi è dietro - antisignoraggismo di risulta schematico- e così confondo e faccio confondere il fine storico politico con gli l'obiettivi e gli strumenti ed analisi intermedi, invece necessari per poter mutare stabilmente rapporti di forza e disaggregare le strutture degli apparati deviati su cui si fonda il potere reale sommerso. Un potere strumentale ma anche concreto che conta eccome, sennò non lo avrebbero costruito e non avrebbero gestito una sotterranea proliferazione di strumenti, persone , realtà agevolate e coperte ) .

LA PAROLA che dice solo "vogliamo questo " è ingannevole se non si accompagna al come ed in che modo e se non indica cosa occorre fare per poter realmente raggiungere "questo e quello " , e non analizza gli ostacoli e pericoli concreti e reali che si frappongono, e non indica come eliminarli, con quali forze, con quali tempi e come, e se non opera per reperire con una analisi attenta persone e forze sane e di buona volontà e se non opera altresì per aprire coscienze e diffondere anche il metodo della conoscenza . 

Quella parola è insignificante , impotente e illusoria e persino consolatoria e fallace : può essere messa in bocca a tutti.

 Tutto può così esser detto, senza rischi per chi gestisce il potere reale deviato ( c'è anche la categoria del potere sano e legittimo ) , e nessuno correrà mai alcun pericolo se si limiterà a quelle parole ed a quell'uso del pensiero e della parola. 

IL POTERE DELLA PAROLA E DELLA MENTE quando è anche totale e guarda insieme le varie realtà, è un potere " autorevole " e lotta contro i vari poteri "autoritari" della parola, e si differenzia perchè ciò che viene detto è verificabile, valutabile in concreto, non è suggestivo , ipotetico, illusorio, apodittico ( non afferma con la parola in sè, senza provare e senza dimostrare ). 

LA PAROLA QUANDO Menta è falsa, autoritaria e tende ad usare la debolezza e mancanza di libertà interiore che il pensiero debole e la ignoranza agevolano . Quella parola mira ad indurre a non ascoltare, a non capire, a non interessarsi . Quella parola, qualora Menta, usa persino i propri limiti come schermo e chiusura, insegnando agli altri a fare altrettanto con l'esempio ( cattivo ).

SE qualcuno vi dirà " non si capisce quello che dice " e non dirà cosa perchè e quando e come, svelerà di non aver valutato nulla: avrete la prova che è uno che o vuole, o agisce inconsapevolmente per , conservare il potere ( altrui ), che si fonda sulla subalternità e la ignoranza delle masse .
E se qualcuno dirà " non si sente nulla" e voi avrete la prova diretta vostra che quanto serve a capire si ascolta e percepisce, volendo capire ed ascoltare per capire, avrete la prova che è sordo il suo cuore e vuol far essere sorda la coscienza e cieca la mente di tutti. ( con le debite eccezioni per le basse frequenze i suoni troppo disturbati, e i difetti di udito che la natura matrigna elargisce. 

IL POTERE VERO DEL PENSIERO E DELLA PAROLA, se poi è supportato anche da prove di diretto ascolto e percezione, che impattano su mente coscienza, cuore e corpo [ https://vimeo.com/75802420#t=318 ] , quando analizza e CONOSCE, vince . 

E' ALLORA che tenteranno di uccidere credibilità, valore , negheranno, sminuiranno, insegneranno persino a irridere e non curare .
E' ALLORA che dovremo emarginare chi perseveri nell'opera di disassuefare al vero ed alla conoscenza profonda uomini e loro coscienze, comunque sia travestito o vestito . 

E' ALLORA che i migliori dovranno agire per primi, dopo aver costantemente insegnato a tutti metodo, uso vero della parola e della mente.

ED E' ALLORA, e così, che tutti o la gran parte capiranno e si emanciperanno da sonno e ignoranza, grazie ed insieme a voi. ( il mancipium è il giogo che rende schiavi e la "e" indica che ci si sottrae al mancipium : " e-mancipare " ).

Oggi siamo in tanti a fare ciò ma prepariamoci a tempi ancor più duri, ora che colpita e svestita dalla PAROLA e DAL PENSIERO la bestia e l'Idra dai mille volti è mortalmente ferita e nuda

( Una concreta realtà complessa ma fluida, con molte strutture che lavorano trasversalmente per dirigere ed occupare gangli importanti dello Stato e controllare pezzi fondamentali della società , della informazione e della cultura ed una cupola sovraordinata trasversale che interviene direttamente nelle sole decisioni fondamentali e che è protetta e partecipata da servizi deviati e fatta, a livello nazional locale, di concreti pochi politici , magistrati, psichiatri, militari, avvocati , professionisti e qualche potente nascosto e meno visibile e appartenenti a clero deviato, individuati ed INDIVIDUABILI ).

 Un miracolo e' gia' avvenuto : noi insieme e ciascuno per conto proprio , abbiamo questo potere e non possono piu' togliercelo .

 Esercitatelo approfonditelo curatelo .

La armata del vero e della mente della parola che non Menta diverra' inarrestabile. 

Essere sovrani prima del vero sapere e della vera conoscenza utile a capire e a cambiare impattando la realtà concretamente, per poter ridare sovranità diretta ai popoli, per riprenderci la sovranità collettiva condivisa di uomini e donne, non nominandola ma operando con lucida determinazione in tutte le realtà ed in tutte le direzioni necessarie. 

Puri come le colombe ma astuti e lucidi come l'uomo che duemila e settecento anni fa volle riconquistare la sua casa occupata, rifiutandone  però gli inganni con cui fu piegata Troia.

 

 

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

IL POTERE DELLA PAROLA

 

Per Gorgia la parola ha il potere grandissimo di rovesciare anche le tesi più radicate e influire sui sentimenti e sul comportamento. Anche per Gorgia, come per Protagora, alla base della conoscenza c'è l'esperienza sensibile. Egli afferma che il piano dell'essere è intangibile:

  1. nulla è;

  2. se anche l'essere fosse, non sarebbe conoscibile;

  3. se pure fosse conoscibile, non sarebbe comunicabile.

E ' suo l' "Encomio di Elena", uno dei testi classici della prima Sofistica, che assomma in sé ed esemplifica il potere della parola, l'attacco alla cultura tradizionale e il gusto quasi irridente di capovolgere i luoghi comuni e le certezze. Nell'opera Gorgia vuole liberare questa mitica figura di donna dall'accusa di essere responsabile della guerra di Troia, giustificandone il comportamento e dimostrando, invece, che mentitori sono i suoi accusatori. Quattro possibili ragioni - secondo Gorgia - possono giustificare il comportamento di Elena e farla ritenere non responsabile dei suoi atti :

  • la volontà del Caso e la decisione degli dèi;

  • il rapimento;

  • la persuasione con "incantesimi di parole";

  • l'amore, la sua "potenza divina".

“ È invece dovere dell'uomo sia dire direttamente ciò che è giusto, sia

confutare il contrario. E dunque è giusto opporsi ai calunniatori di

Elena, donna sulla quale si è imposta l'unanime testimonianza dei poeti,

accanto alla fama del nome, divenuto simbolo di un'esistenza tormentata.

Pertanto io voglio, svolgendo il discorso secondo un certo metodo logico, 

liberare dall'accusa lei, così diffamata, e, dimostrando

che i suoi accusatori dicono il falso, ristabilire la verità. (...)

Infatti, agì in quel modo o per cieca volontà del Caso, e meditata 

decisione degli Dèi, e disposizione della Necessità; oppure rapita per

forza; o indotta con parole; o presa da amore.

Se è valido il primo motivo, è giusto attribuire la responsabilità a chi

l'ha avuta, poiché non si possono impedire i disegni divini con la previdenza

umana. È, infatti, naturale non che il più forte sia ostacolato dal più debole,

ma che il più debole sia comandato e condotto dal più forte; e il più forte 

guidi, il più debole segua.  E la Divinità supera l'uomo in forza, in saggezza e

nel resto. Se dunque la colpa va attribuita al Caso e alla Divinità, Elena va 

liberata dall'infamia.

E se fu rapita a forza, violentata e offesa contro ogni legge e giustizia, 

è chiaro che la colpa è dell'autore della violenza e che la rapita, proprio 

perché vittima, subì una sventura (...).

Se poi fu la parola a persuaderla e a illuderle l'animo, neppur questo

è difficile a scusarsi e a giustificarsi: la parola è un gran dominatore,

che, con corpo piccolissimo e invisibile, sa compiere cose straordinarie;

riesce infatti a calmar la paura, a eliminare il dolore, a suscitare la gioia

e ad aumentar la pietà. E ora spiegherò come ciò avviene. È giusto, infatti, 

sottoporre la questione al giudizio degli ascoltatori: io ritengo la poesia

nelle sue varie forme un discorso con una tale musicalità, che chi l'ascolta è

invaso da un brivido di spavento, da una compassione che strappa le lacrime ,

da uno struggente desiderio di dolore,  e l'anima subisce, per effetto delle parole, 

una particolare emozione, ad ascoltare il racconto di situazioni felici o avverse,

relative ad eventi o a persone estranee. Ma via, torniamo al discorso 

precedente. Dunque, gli ispirati incantesimi di parole offrono gioia, liberano 

dalla pena. La potenza dell'incanto, infatti, aggiungendosi alla disposizine

dell'anima, la lusinga e  la trascina col suo fascino (...).

Ora spiegherò la quarta causa col quarto ragionamento. Se fu l'amore

l'elemento determinante, non sarà difficile a lei sfuggire all'accusa

dell'errore attribuitole (...). Se, dunque, lo sguardo di Elena, attratto

dall'aspetto di Alessandro, ispirò all'anima passione d'amore, quale meraviglia?

Se, infatti, l'Amore, in quanto dio, ha la divina potenza degli dei,  come potrebbe 

un essere inferiore respingerlo o resistergli? (...)

Come, dunque, si può ritenere giusto il disonore gettato su Elena, la quale,

sia che abbia agito come ha agito perché innamorata, sia perché lusingata 

da parole, sia perché rapita con violenza, sia perché costretta da imposizione divina,

in ogni caso è esente da colpa?

da Gorgia, Encomio di Elena, 2-21 (DK 82 B11)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


CLICCA SULLO SHARE BUTTON E POI CONDIVIDI CON 19 SOCIAL NETWORK E  SOSTIENI E DIFFONDI  Share SHARE 


SCOOP  



 

 

 
 

 

 

CLICCA SULLO SHARE BUTTON E POI CONDIVIDI CON 19 SOCIAL NETWORK E  SOSTIENI E DIFFONDI  Share SHARE              

IL POTERE DEL PENSIERO E DELLA PAROLA CHE NON MENTA
Mostra altro

OLTRE " I MAGISTRATI MASSONI E LO STATUTO DELLA FRATELLANZA GIURIDICA" di Solange Manfredi .FRAMASSONERIA, MASSONERIA DEVIATA o "SAVIA " che hanno a che fare con l'imitazione agile, veloce e smilza dei draghetti o varani di Komodo ?!

2 Ottobre 2013 , Scritto da CDD Comitato di Coordinamento Difendiamo la Democrazia

Cara Solange, stimata, 

il tuo prezioso scritto , viene da me oggi ripubblicato, di seguito, per la importanza delle informazioni, corroborate da documento ed indicazione certe, ma anche per porgerti un paio di quesiti che trovo esilaranti, anche se riferiti a fatti e contesti veri.

 

 

Alberto Sordi diventa massone

 

1. MASSONERIA GIURIDICA E NON, SCELTE CONDIVISE, SONNO OD OBLIO,  NON USARE IL CERVELLO, TEMIAMO L'INFORMAZIONE. 

 

Sottolineo subito, ovviamente, a parziale consonanza alcuni aspetti delle vicende che mi hanno visto "protagonista passivo",  ma   il quadro di riferimento di quel che si muoveva era ben più "protervamente" amplio . 

Imcrementa quindi il quadro che mi riguarda la nozione ulteriore  di "scelta condivisa" , con invito implicito a prendermela in un  dato posto ( quello).    

FRancesco Bruno

Tonino Cantelmi 

Una nozione  da me appresa  per  bocca del crimin-ologo psichiatra e molto altro,  Francesco Bruno,  seduto  al mio  fianco sulla mia auto  , e poi plasticamente raffiguratami nell'esilarante incontro tra questi e Tonino Cantelmi già descritto più volte e sotto vari aspetti. 

 

 

 

Salvatore Vecchione

 

Un tantino  oltre il  quadro da "massoneria giuridica"  mi appare  però la nozione  di  "oblio" con  invito ad accettare  terapia  farmacologica "coadiuvante", come da indicazione terapeutico massonica del CSM e del Cantelmi,   a me "propinatami"  nel settembre 2012, come consiglio  "bonario" ,  dal già Procuratore Generale della Corte di Appello di Roma in pensione,  Salvatore Vecchione ( essendo incappato  io, a sua detta,  in chissà quale strapotere terrifico cui si dovrebbe  immolare,  come da protocolli,  il regolare funzionamento delle proprie sinapsi ) . 

 

I criminali normali e anche i massoni consociati affaristi, fanno finta di non ricordarsi i crimini e li nascondono di norma, ma di solito non usano a tal fine farmaci per sè, e non fanno imbottire testimoni e vittime di psicofarmaci distruttivi (ve lo immaginate Totò Riina che porta pillolette ad un pentito  di mafia ?!?! ) . Li trovo più  sani , anche se ovviamente restano quel che sono  .

 

Giovanni Ferrara

Rammento poi  la  minaccia/invito/complimento, peraltro preoccupata,   a me diretta  dal Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Roma, Giovanni Ferrara , nei primi del dicembre 2010      ( contesto temporale e vicende note vedi  MEMORIALE )  quando,  con toni immaginabili intimò : " Non usare troppo il cervello , non devi usare il cervello "

E vi è un preciso salto, certo, di (non) qualità,  nel penoso  micro-show ( da noi riprodotto pubblicamente in trasmissione radio e in svariate conferenze ) , inscenato dallo stesso Giovanni Ferrara il 24 dicembre 2010, a tu per tu con me : minacciosamente,  e con sguardo e viso deformato dallo sforzo di rendersi terrifico ( ancora rido e risi sino alla porta del suo ufficio cui mi accompagnò tentando di mantenere lo  sguardo terribile : e mentre socchiudeva la porta lo guardavo e ridevo, non solo dentro  ), esplose,  a voce soffocata dalla rabbia e dal patologico accentuare , insufflando   " non devi parlare, non devi parlare noi temiamo la stampa  ... la stampa  ..." . Poi  un pò istericamente e  pseudo sacralmente,   accompagnando  ogni parola del seguito della frase con il girare  la mano,  quasi a voltare la  pagina  di giornale che gli stava sulla scrivania,   soffiò  ancora più ridicolmente da psicotico pseudo-gattone demoniaco " omicidio .. omicidio  ..  omicidio suicidio "

 

2. TRE EPISODI ESILARANTI  DA ANALIZZARE 

da film di Roman Polanski

 

Ma su un piano che si deve  comunque esplorare , si collocano, ben oltre la nozione di qualsiasi "fratellanza massonica",  i tre episodi veramente da abbecedario filmologico alla Roman Polanski, da me pubblicamente accennati .  

 

Tre episodi   oralmente   riferiti a Firenze, centrando la attenzione su un anomalo e curioso  aspetto  ( con una qualche ovvia  preoccupazione  derivante dalla assurdità della visione e contesto,   e dalla  riflessa immagine che correvo il rischio di dare di me , solo a raccontar di magistrati che, lontani da sguardi indiscreti e ben attenti a non farsi scorgere da terzi,  sinuosi e serpenteschi nell'atto di minacciare si muovevano in modo oscillatorio e circolare quasi come, ma  ben più agili veloci e smilzi,  varani di Komodo o draghetti cinesi accerchianti  una preda  : roba da ricovero e TSO per chi lo racconta ingenuamente, ma anche  per  chi lo fa .. se il racconto è vero reale congruente e poi confermabile ). 

 

Giovanni Ferrara 

Il primo episodio  del settembre del 2010, quando, entrai improvvisamente nella stanza del  Procuratore ove Giovanni Ferrara 

 

Agnello Rossi 

Agnello Rossi 

letteralmenteaccerchiavano un attonito  ed impaurito giudice della Tribunale fallimentare di Roma , rosso in viso e che, spalancando gli occhi nel guardarmi chiedeva di fatto aiuto, poggiate la mani di spalle sulla scrivania  in piedi , mentre gli "aleggiavano" letteralmente intorno Ferrara e Agnello. ( vedi memoria esposto al CSM del 3 novembre 2012 ) . 

 

Stefano Pesci 

Il secondo episodio  dell'undici gennaio del 2011, il giorno successivo al fallito tentativo di bloccarmi e distruggermi previo  nuovo ricovero, negli incontri registrati  con il dott. Paolo Girardi e il giovane "intraprendente" psichiatra dott. Sani, ( descrizione analitica nel MEMORIALE )  quando piombai nella stanza dell'Agnello Rossi e vi trovai anche Stefano Pescie mentre di fatto li sfidavo e provocavo con la sola mia presenza  per capire meglio ( Girardi aveva già vuotato il sacco suo ) , minacciosamente tentarono di pressarmi con modalità sconcertanti,  sul tema " ricovero e terapia ", da oblio e distruzione programmata,  ma non contano ora  le loro  ovvie parole  intimatorie.

 

Il terzo episodio  del 21 dicembre 2012 quando, sul piano dell'ufficio del "nuovo" Procuratore di Roma, mi si piantò davanti inferocito, Stefano Pesci, venendo lui dalla scalinata,  con sguardo folle di rabbia, e controllando con gli occhi le telecamere del piano,  piazzatosi lateralmente con attenzione,   e insufflando con la voce alterata alla " Giovanni Ferrara " maniera,  mentre tra l'altro roteava la mani arcuate in avanti,  aggressivamente soffiò con voce alterata " ti devi curare .. ti devi curare " ( la solita solfa ambigua e intimidatoria , ovviamente ) . 

In tutti e tre gli episodi i protagonisti attivi si muovevano velocemente in modo ondulatorio e sinuoso, oscillando il corpo in avanti, con sguardo feroce ed aggressivo e  con modalità talmente tanto tipiche e vistose che mi risulta impossibile pensare a tre coincidenze riguardanti 3 persone "attentamente osservate" in tre contesti rispettivi per un numero di cinque osservazioni ( 2+2+1). Direi un vizio,  certo, di atteggiamento , " condiviso ".  e la variante delle mani arcuate e minacciose solo riconducibile a Stefano Pesci.

Ma è ormai notizia pubblica quella dei legami  frequentazioni e e conoscenze di Stefano  Pesci con personaggi ed ambienti militari sin dai tempi di Bologna, prima che   fosse vincitore di concorso in magistratura , e con vertici di un certo tipo ... 

 

3. FRA-MASSONERIE, ORGANIZZAZIONI SETTARIE E ATTIVITA' "SAVIE" o MENO. 

Orbene che la massoneria giuridica e non, deviata e non,  sia una consociazione per favori reciproci,  che viola deontologie e leggi, mi risulta pacifico ,  così come la circostanza che vi siano "scelte condivise". 

A livello "esotericheggiante" il concetto di sonno/oblio mi risulta anche noto, salva nel caso di specie la esplicita accentuata connotazione fisico chimico farmacologica a contorno e nelle minacce  suevidenziate,  che connotano ascendenze totalitario  militari e un ruolo della psichiatria dominante .

Ragionevolmente massonico deviata e non e comuqnue di criminali consociati in una organizzazione segreta ,  è poi la paura della intelligenza e la volontà di tenere nell'oscurità la gente e quindi anche il pericolosetto Paolo Ferraro. 

Di violenza, aggressività criminale poi, me ne devo essere occupato, io, ( o nò ?! ) per trenta anni,  e ne ho  conosciute di varianti e   infinite sfumature tra le scartoffie degli oltre centomila procedimenti passati sotto il mio sguardo professionale.

Ma come è che il Procuratore Capo e poi sottosegretario al Ministero degli Interni , l' Aggiunto di Procura ed  il  Sostituto dai rispettivi nomi e cognomi  Ferrara Giovanni , Agnello Rossi e Pesci Stefano si muovevano ( impossibile l'equivoco mio ) come ridicoli  lucertoloni  corveggianti o draghetti cinesi ?!?! : o pensano di poter prendere per il ... persino magistrati .. o hanno, come dire,  nascosti pseudo cerimoniali e comportamenti tipizzati minacciosi a matrice varia, da accertare meglio, puntigliosamente ( una volta esclusa una atipica variante del morbo di Parkinson che colpisca solo i magistrati deviati della Procura di Roma ...  ) . 

 

MI pare un insolito e non meno  interessante quesito, Solange, anche se tutto sommato meno serio di quelli da te sciolti ed affrontati,  anche avuto riguardo a vicende che legano assurdi templari a trame deviate e servizi .


Ma non è colpa mia se dei criminali in colletti bianchi fanno,  ben appiattati,  questa ridicole esibizioni .. convinti di poter inoculare terrore ed esprimere potenza.  


Approposito, Solange ,  ti era sfuggito che 

S.E. il Nob.mo Fr. Francesco Corona GIà Gran Conestabile dell'Ordine dei Cavalieri del Tempio di Jerusalem - TEMPLARE DI ROMA - DIMISSIONARIO DAL GRAN PRIORATO IN  DATA 30 LUGLIO 2008,  dal 1990 al 1995 è stato incaricato presso l’Istituto di Analisi dei Sistemi ed Informatica del CNR di Roma, occupandosi di metodi di simulazione e metodi per l'intelligenza artificiale. 

E che da notizia diretta seria ed in accertamento a mera conferma  proprio il CNR studiò il mio programma funzionante ed operativo di integrale automazione delle attività giudiziarie della Procura (sostituite con un solo click ) nel settore dei reati automatizzabili integralmente ( ATZ ) ?!?! 

Di certo sarà un caso che sarebbe  divenuto docente di Techno-Intelligence presso il Ministero dell’Interno e presso il Master in Sicurezza ed Intelligence della Link Campus Malta University di Roma, dal 1995 , mentre non dovrebbe essere un caso  che nel comitato scientifico dell'Istituto di Ricerca della coscienza c'era e c'è  anche 

Francesco Bruno ma anche e soprattutto due illustri templari 


 Raffaele Sepe

Dott. in Scienze politiche

Master di II liv. in Scienze Forensi

2^ Corso "Criminologia Investigazione Security

Docente di Criminologia e Security management

Docente presso il Corso di Scienze Criminologiche della Comunicazione e della

Sicurezza

Esperto in sistemi di sicurezza negli alti profili di rischio e counterterrorism force.

Medaglia d'oro al merito di servizio nella polizia di Stato

Grande Ufficiale dell'Ordine dei Cavalieri del Tempio di Gerusalemme O.S.M.T.H. con funzioni di Gran Cerimoniere

Cavaliere al merito della Repubblica italiana

 

Laurea in Scienze dell'Informazione

Incaricato presso l’Istituto di Analisi dei Sistemi ed Informatica del CNR

Docente di Techno-Intelligence presso il Ministero dell’Interno

 

Direttore Generale del laboratorio di ricerca Value Up dell’albo dei laboratori altamente qualificati del M.I.U.R. 

 

 


Estendi pure se lo ritieni al massonologo Franceschetti il tutto, potrebbe essere utile , "qualora  parlasse ... ."

 

Con l'occasione introdurrei  un altro  buffo  e scherzoso quesito: premessa la dubbia   attendibilità circa le origini reali  del  libro   denominato " I savi anziani di Sion" ,  la descrizione delle relative tecniche metodologie e protocolli,  che pur qualcuno in funzione di pratica e  dominio  ha quantomeno elaborato  , prevede per caso, in qualche versione  non leggibile, e per i contatti diretti minacciosi una  mimica a lucertolone o varano smilzo di Komodo o draghetto cinese ?!?! 

Ma condivido la tua  opinione : le generiche e non storicizzate allusioni ai "complotti giudaico massonici", oltre ad essere non utili e non serie distraggono dal reale contesto  strutturato e fatto di concrete organizzazioni, concreti uomini e concrete responsabilità. 

Peraltro come più volte ho sottolineato in quella che chiamo SUPERGLADIO confluiscono componenti e realtà varie,  policromatiche ed una associazione segreta che assomma ideologie NAZI-KOMM a metodologie militari, e alleanze sotterranee con aree di potere varie ... : il profilo etnico  non serve a capire , semmai chiarisce uno degli  humus culturali e di potere , ma concorrono  anche quello laico-materialista ( BRUNO  si  definisce "marxista " )   e persino aree cattolico deviate . Il tutto condito da relazioni internazionali e coperture di servizi militare e non. 

Direi pertanto che più che le matrici etnico ideologiche  dei protagonisti sarebbe interessante invece sapere meglio, a mera conferma,  della casa di Agnello Rossi ad Honk Kong e del viaggio in USA di Stefano Pesci nel 2007. Che esca qualche altro filo, giusto per rendere la trama più complessa ?!?! Un bel tappeto, non c'è che dire . 

GRAZIE 

 

PAOLO FERRARO 

 

 

MI accomuna a Solange oltre a molto,   lo stupore attonito per quello di cui  siamo direttamente venuti a conoscenza , ciascuno sulla propria pelle anche. 

E a lei, ringraziandola per il lavoro colto ed approfondito svolto in questi anni , dedico ancora scherzosamente uno spottino girato in rete .. da me .. semplicemente postato e  gestito dopo una breve illuminazione collegata all'Alberto Sordi della foto sopra ..... 

 

 

 

 

Massoneria  ... ah deviata .. tu m'hai provocato .. io te magno .. 

 

 

 

CLICCA SULLO SHARE BUTTON E POI CONDIVIDI CON 19 SOCIAL NETWORK E  SOSTIENI E DIFFONDI  Share SHARE

 

 

 

 

"FRATELLANZA GIURIDICA. I magistrati e la massoneria."

 

 

Di Solange Manfredi 

pubblicato il 20 luglio 2010 nel blog di Paolo Franceschetti 

 

 

1. Premessa.

 

 

 

Da qualche giorno i giornali riportano la notizia di una inchiesta romana su una associazione a delinquere, denominata nuova loggia P3, che vedrebbe coinvolti politici, faccendieri, criminalità organizzata, e magistrati.

 

 

 

 

 

I magistrati coinvolti sono persone ai vertici della magistratura, ex Presidenti dell’A.N.M., ex Consiglieri del C.S.M. , avvocati generali della Cassazione, ovvero:

 

 

- il dr Arcibaldo Miller, Capo degli Ispettori del Ministero della Giustizia e membro dell’A.N.M;

 

- il dr Antonio Martone, ex Presidente dell’A.N.M., ex Avvocato Generale della Corte Suprema di Cassazione ed oggi capo di una Commissione per la valutazione, la trasparenza e l’integrità delle amministrazioni pubbliche;

 

- il Sottosegretario di Stato Giacomo Caliendo, ex Consigliere del C.S.M ed ex Presidente dell’A.N.M;

 

- il Presidente della Corte di Appello di Salerno Umberto Marconi, consigliere del CSM ed ex membro dell’ANM;

 

- il Presidente della Corte di Appello di Milano Alfonso Marra;

 

- il Primo Presidente della Corte Suprema di Cassazione Vincenzo Carbone.

 

Niente di nuovo, l’intreccio in odor di massoneria tra magistratura e potere c’è sempre stato.

 

Solo per fare un esempio, da più di un anno si sta celebrando, nel più assoluto silenzio, un processo sulla compravendita di sentenze in Cassazione che, visto il coinvolgimento di personaggi legati dal vincolo massonico, è stato denominato Hiram (figura allegorica

 

 

della massoneria, nonchè nome della rivista ufficiale del Grande Oriente d’Italia).

 

 

 

Ed ancora l’intreccio tra magistratura e potere massonico (di oggi e di ieri) è ben evidenziato nel libro di Gioaccino Genchi “Gioacchino Genchi. Storia di un uomo in balia dello Stato”.

 

 

 

Per non parlare degli scandali che negli anni ’80 e ’90 videro coinvolti magistrati iscritti alla loggia P2.

 

Ma, a questo punto, una domanda sorge spontanea: perché nella maggior parte degli scandali che vede coinvolti magistrati compare sempre anche la massoneria?

 

Come fanno i massoni a poter sempre contattare il magistrato giusto al momento giusto?

 

 

2. La "Fratellanza Giuridica".

La risposta non è semplice ma forse, in questa sede, si può aggiungere un dato che potrebbe essere importante per capire gli intrecci di “certo” potere.

Quando mio padre (avvocato) morì, 15 anni fa, nella cassaforte di casa trovai, insieme al suo tesserino di affiliazione alla massoneria, centinaia di documenti massonici.

Tra questi rinvenni un piccolo libricino rilegato che riportava in copertina:

Fratellanza Giuridica" Statuto

 

Appena ne lessi il contenuto rimasi sconvolta, come sconvolti sono rimasti avvocati e giudici (non massoni ovviamente) a cui l’ho mostrato. 

 

 

 

L'esistenza di uno Statuto che, all’interno delle varie logge (e quindi tra massoni già vincolati dal giuramento di silenzio, assistenza ed aiuto reciproci e dal divieto di denunciare un fratello al Tribunale profano 1), univa in una “più fraterna collaborazione” avvocati – cancellieri – docenti di materie giuridiche – dottori commercialisti – magistrati – notai – ragionieri ed ufficiali giudiziari, in altri termini tutti i tasselli “sensibili” di un Tribunale, era sconvolgente. 

 

 

 

Un legame cosi' stretto tra i protagonisti delle vicende giudiziarie si prestava veramente a deviazioni infinite. 

 

Il fatto, poi, che gli elenchi di questa “Fratellanza Giuridica” fossero a disposizione dei massoni iscritti alle varie logge italiane poteva rendere ogni Tribunale raggiungibile da qualsiasi fratello in cerca di aiuto massonico. 

 

Nessun rischio a chiedere un “aiutino”: il massone infatti ha giurato sia di aiutare sia di non denunciare mai un fratello al Tribunale profano. Non a caso ogni scandalo che ha riguardato magistrati e massoni è sempre stato originato dalla scoperta di documenti durante una perquisizione o, come in questo caso, da intercettazioni telefoniche; ma mai in nessun caso un'indagine ha avuto origine dalla denuncia di un fratello verso un altro fratello. 

 

 

Se all'interno della stessa loggia, della stessa cittadina, si ritrovano regolarmente per studiare, lavorare, o altro... avvocati, cancellieri, magistrati e ufficiali giudiziari, si sa, l'occasione fa l'uomo ladro. La frequentazione, l'amicizia, ma, soprattutto, il giuramento di reciproco aiuto ed assistenza, fanno sì che in queste "logge" possa scattare la richiesta di “aiutino”. In fondo, per insabbiare un processo, per depistare, per creare confusione, basta poco: una notifica sbagliata, un fascicolo sparito, una nullità non rilevata, ecc.. piccoli errorini, idonei a deviare il corso di un processo; ma errorini per cui in Italia non si rischia assolutamente nulla. 

 

 

 

Certo si parla di possibilità, non è detto che accada però, come già sottolineato, l'occasione fa l'uomo ladro. 

 

 

 

Proprio per questo i magistrati ed avvocati più attenti a livello deontologico (non vi preoccupate, è una razza ormai quasi estinta) evitano le frequentazioni con avvocati almeno dello stesso foro in cui esercitano.

 

 

 

Il motivo di tale comportamento è chiaro (o dovrebbe esserlo) il giudizio del magistrato, per non lasciare adito ad alcun dubbio, deve essere il più possibile scevro da condizionamenti di qualunque genere. 

 

 

 

Chi frequenta i Tribunali, invece, spesso si trova a dover costatare comportamenti ben diversi, e si può incappare in situazioni in cui avvocati e magistrati dello stesso foro dividono l'affitto di una garconier con cui andare con le rispettive amanti. 

 

Sarà, dunque, forse un caso che più di 7 processi su dieci saltano per notifiche sbagliate? Sarà forse un caso che spesso le indagini o processi che vedono coinvolti massoni hanno un iter burrascoso con avocazioni di indagine (Why not, Toghe Lucane), trasferimenti di sede (Piazza Fontana, Golpe Sogno, Scandalo loggia P2) od altro? 

 

Probabilmente si, non vogliamo in alcun modo pensar male anche se, come diceva Andreotti, a pensar male si fa peccato ma, raramente, si sbaglia. 

 

3. Lo Statuto

 

Trascrivo qui il contenuto dello Statuto rinvenuto tra i documenti di mio padre. 

 

Ovviamente, e per estrema correttezza, avverto il lettore che non posso assicurare che detto statuto sia vero, ma, dati i rapporti che intratteneva mio padre (avvocato), ciò che mi aveva detto riguardo i magistrati che frequentavano regolarmente la nostra casa e il fatto di averlo rinvenuto all’interno di una cassaforte insieme a centinaia di documenti giuridici firmati da “fratelli”, mi fa propendere per il si. 

 

Se così fosse parrebbero esistere "Fratellanze" costituite esclusivamente da magistrati, avvocati, cancellieri, ufficiali giudiziari, professori universitari, ecc.. le cui "deviazioni" potrebbero condizionare il sistema giudiziario ostacolando il corso di processi importanti. 

 

 

 

A.G.D.G.A.D.U.

 
 

GRAN LOGGIA NAZIONALE

DEI LIBERI MURATORI D’ITALIA

 

GRANDE ORIENTE D’ITALIA”

*

STATUTO

DELLA

FRATELLANZA GIURIDICA”

(Approvato a Roma, il 21 settembre 1968)

 

1

La Fratellanza Giuridica è costituita da Fratelli attivi e quotalizzanti nelle rispettive Logge della Comunione italiana, appartenenti alle seguenti categorie professionali, e che ne facciano domanda:avvocati e procuratori legali –cancellieri – docenti di materie giuridiche – dottori commercialisti – magistrati – notai – ragionieri – ufficiali giudiziari.

2

La Fratellanza Giuridica ha come principali finalità:

a) Dare, quando richiestane, pareri giuridici al Grande Oriente o ai vari Organi massonici, attraverso la Gran Segreteria;

b) Promuovere lo studio dei problemi interessanti i vari aspetti del diritto, internazionale e nazionale, e quelli delle singole categorie iscritte alla Fratellanza;

c) Consentire una più fraterna collaborazione, nell’ambito di ciascuna categoria, per l’esercizio dell’attività degli iscritti;

d) Indicare nominativi di difensori d’ufficio, se richiestane dai Tribunali massonici;

e) Curare la raccolta della giurisprudenza delle decisioni degli organi giudiziari massonici, anche comparata con l’opera giudiziaria delle altre Comunioni regolari;

f) Studiare ed approfondire ogni altra questione attinente all’esercizio professionale degli iscritti, nel rispetto delle leggi e delle tradizioni massoniche.

3

La Fratellanza Giuridica ha sede presso il suo Presidente effettivo.

Essa può essere sciolta in qualunque momento, o per decisione del Gran Maestro, previo il parere favorevole del Consiglio dell’Ordine, o per decisione dell’Assemblea degli iscritti.

Le elezioni e le decisioni dei vari Organi della Fratellanza Giuridica sono valide a maggioranza semplice ed impegnano anche gli assenti e, per il caso di scioglimento, con il voto favorevole di almeno due terzi degli iscritti.

Le cariche non sono rinunciabili ed impegnano gli eletti sino a quando non siano accettate eventuali loro dimissioni, da inoltrarsi al Consiglio Direttivo.

4

Sono Organi della Fratellanza Giuridica:
a) L’Assemblea degli iscritti;
b) Il Consiglio Direttivo;
c) L’Ufficio di Presidenza;
d) Ufficio di Segreteria e Tesoreria.

5

L’Assemblea degli iscritti è convocata dall’Ufficio di presidenza almeno una volta l’anno, entro il 31 marzo, o quando appaia opportuno, ovvero quando gliene faccia richiesta la maggioranza semplice del Consiglio Direttivo oppure almeno un quinto degli iscritti.

Alla Assemblea sono demandate tutte le decisioni comunque riguardanti la Fratellanza Giuridica, anche nelle materie di spettanza dei singoli Organi.

6

Il Consiglio Direttivo è composto dai Delegati circoscrizionali, che durano in carica tre anni e sono rieleggibili.

I Delegati circoscrizionali vengono eletti, anche mediante schede inviate per posta, dagli iscritti alla Fratellanza Giuiridica, nell’ambito delle circoscrizioni regionali massoniche.

Il Consiglio Direttivo si riunisce per convocazione dell’Ufficio di Presidenza, almeno due volte l’anno, ovvero quando ne faccia richiesta, allo stesso Ufficio di Presidenza, almeno un terzo dei suoi membri.

7

Le riunioni del Consiglio Direttivo sono valide con la presenza di almeno la metà dei suoi componenti. In caso di parità di voti prevale quello del presidente.

8

Ciascun delegato circoscrizionale deve promuovere riunioni di iscritti, iniziative e attività varie, nell’ambito della propria circoscrizione, in armonia con le leggi massoniche, con le finalità della Fratellanza Giuridica, con le deliberazioni dell’Assemblea e del Consiglio Direttivo.

9

L’Ufficio di Presidenza è composto:
a) Dal Gran Maestro;
b) Dal presidente effettivo, che viene eletto dal Consiglio Direttivo;
c) Da un Vice-Presidente.
Al Presidente effettivo (o, in caso di suo impedimento o assenza, al Vice-Presidente) spettano la rappresentanza, la direzione, le decisioni di ordinaria amministrazione della Fratellanza Giuridica.

10

L’Ufficio di Segreteria è composto:
a) Dal Gran Segretario;
b) Da un Segretario o da un Vice-Segretario, nominati dal Consiglio Direttivo, ai quali spetta la tenuta degli schedari, dei verbali, della corrispondenza della Fratellanza Giuridica. L’Ufficio di Segreteria effettua il controllo annuale della regolare appartenenza alle Logge della Comunione di tutti gli iscritti della Fratellanza.
Il Segretario o il Vice-Segretario possono essere eletti anche al difuori del Consiglio Direttivo, nel qualcaso vi partecipano senza diritto di voto.

11

Il Tesoriere è nominato da Presidente effettivo, anche non fra i Delegati circoscrizionali, nel qual caso partecipa al Consiglio Direttivo senza diritto di voto.

Il Tesoriere cura l’amministrazione, la contabilità, la riscossione delle quote e degli eventuali contributi volontari, e quant’altro attiene alla economia della Fratellanza Giuridica.

Il Tesoriere redige, entro il 31 dicembre di ciascun anno il bilancio consuntivo degli incassi e delle spese, ed un bilancio preventivo per l’anno successivo, da sottoporre all’approvazione dell’Assemblea.

12

Per far fronte alle spese di organizzazione e funzionamento della Fratellanza Giuridica, tutti gli iscritti devono versare una quota annuale.

13

Entro il 31 maggio di ciascun anno il Consiglio Direttivo:
a) Predispone ed approva bilanci consuntivi e preventivi redatti dal Tesoriere da sottoporre all’Assemblea;
b) Fissa l’ammontare della quota annuale obbligatoria a carico degli iscritti;
c) Redige una relazione morale sull’attività compiuta nell’anno precedente che, se approvata dall’Assemblea, viene inviata alla Gran Maestranza;
d) Delibera la destinazione delle somme pervenute per contributi volontari dai vari iscritti.

14

Ogni notizia relativa agli elenchi degli iscritti potrà essere chiesta e fornita dai rispettivi Delegati circoscrizionali, a ciascuno dei quali tali elenchi verranno consegnati, ovvero, in mancanza, dall’Ufficio di Segreteria.

15

Il presente Statuto potrà essere modificato con delibera di almeno un terzo degli iscritti, i Assemblea.

16

E’ demandata al Consiglio Direttivo la formulazione del regolamento di attuazione del presente Statuto.

Note:

 

1. come rivela una sentenza a sezioni unite del Tribunale massonico del 28/X/1978, per il principio n. 1 Cap. IV degli Antichi Doveri” il massone anche se a conoscenza di un reato non può neanche minacciare di denunciare un fratello a quello che viene definito “Tribunale Profano”, ovvero l’organo giudiziario previsto dalla Costituzione italiana, pena l'immediata espulsione dalla loggia.

 

 

 

 

 

SCOOP  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

CANALE VIMEO CDD

 

 

CLICCA SULLO SHARE BUTTON E POI CONDIVIDI CON 19 SOCIAL NETWORK E  SOSTIENI E DIFFONDI  Share SHARE              

OLTRE " I MAGISTRATI MASSONI E LO STATUTO DELLA FRATELLANZA GIURIDICA"  di Solange Manfredi .FRAMASSONERIA,  MASSONERIA DEVIATA o "SAVIA " che hanno  a che fare con l'imitazione agile, veloce e  smilza dei draghetti o varani di Komodo  ?!
Mostra altro

La storia la cultura contro le nuove schiavitù.

2 Ottobre 2013 , Scritto da CDD Comitato di Coordinamento Difendiamo la Democrazia

 

La storia la cultura contro le nuove schiavitù.

 

 

 

Intervista di Paolo Ferraro rielaborata per Xtimes . 

 

 

 

In coda prove audio Cecchignola con didascalie e "novità"

 

 

 

 


 

CLICCA SULLO SHARE BUTTON E POI CONDIVIDI CON 19 SOCIAL NETWORK E  SOSTIENI E DIFFONDI  Share SHARE

 


SCOOP  



 

 

 
 

 

CANALE VIMEO CDD

 

 

CLICCA SULLO SHARE BUTTON E POI CONDIVIDI CON 19 SOCIAL NETWORK E  SOSTIENI E DIFFONDI  Share SHARE              

La storia la cultura contro le nuove schiavitù.
Mostra altro

93. A e B. CONFERENZA SUPER GLADIO MASSONERIE E POTERI DEVIATI nelle istituzioni dello Stato e dibattito conseguente

2 Ottobre 2013 , Scritto da CDD Comitato di Coordinamento Difendiamo la Democrazia

CLICCA SULLO SHARE BUTTON E POI CONDIVIDI CON 19 SOCIAL NETWORK E  SOSTIENI E DIFFONDI  Share SHARE





93. CONFERENZA SUPER GLADIO MASSONERIE E POTERI DEVIATI nelle istituzioni dello Stato . Dall'esoterismo ( per imbrogliare le genti) all'essoterismo per emancipare i popoli.

Ancona, 20 settembre Teatro Papa Giovanni XXIII, Parrocchia del Cristo Divino Lavoratore .
piazzale Camerino 3 ore 21 e 30
http://vimeo.com/75656376





LA SUPER GLADIO   
Dibattito e domande 
DOMANDE : IL CSM ?! 
IL CSM da organo di garanzia ed autogoverno ad organo piegato a logiche deviate consociative e poi al progetto deviato di occupazione dei gangli dello Stato fondamentali ma questo non riguarda l'organo disegnato nella Costituzione riguarda concreti  uomini magistrati che gestiscono e usano il potere in funzione di  un progetto deviato . 
DOMANDE : I MAGISTRATI CHE "ENTRANO" IN POLITICA . Contano in realtà gli uomini ed il controllo sugli uomini . 
DOMANDE :  SCIE CHIMICHE ?! Il ventaglio e lo spettro delle sperimentazioni militari  è amplio talvolta dettagliato con documenti .
DOMANDE : La Chiesa e il nuovo papa. La Chiesa un potere e una organizzazione umana . Quale processo e presa di responsabilità trasparente ci auguriamo dal Chiesa . 
DOMANDE : L'EUROPA CONCRETA  E QUELLA IDEALE  E L'EUROPA DELLE BANCHE che gestisce la moneta privata e svuota gli Stati . 
LA PROCURA NAZIONALE ANTIMAFIA nel Giugno ha svelato le trame sovversive in Italia dal 1992 e la Procura di Palermo ha tirato fuori documenti che portano ineluttabilmente alla emersione di un conflitto non con la istituzione della Presidenza Repubblica ma con il concreto Presidente lambito da rapporti e vicende . Dimissioni del Presidente della Repubblica da chiedere . 
DOMANDE :  La denuncia di Paola Musu e la sua natura giuridico politica e la lettura sovrana della Costituzione come una lettura,   ma non l'unica . 
DOMANDE : Roshild e Rockefeller quali obiettivi hanno . Il tema del dominio puro  come ultimo prodotto della logica del potere finanziario. E' il meccanismo in sè del capitalismo finanziario  quello che spiega ciò che accade .
Il caso e la causalità che imita il caso . Il protocollo usato per fermare il superteste è altro dal protocollo utilizzato per fermare un magistrato  nelle sue concrete indagini e nell'esercizio delle sue funzioni. 
DOMANDE : Russia e nuova necessità di collocazione geopolitica dell'Italia .  Il progetto di ricostruzione socio economica e le necessità di rapporti economici e forniture di materie prime anche per assicurare tecnologie ormai necessarie . 
DOMANDE : IMPERIALISMO violenza e storia  . 
DOMANDE :  l'errore  fatto nella repressione del magistrato scomodo. La grandediscovery  e la costruzione di un percorso politico e giudiziario secondo la legalità costituzionale . 
DOMANDE : La "sovranità individuale" una tematica illogica e inaderente alla realtà storico giuridica dell'uomo. 








SCOOP  











CANALE VIMEO CDD


CLICCA SULLO SHARE BUTTON E POI CONDIVIDI CON 19 SOCIAL NETWORK E  SOSTIENI E DIFFONDI  Share SHARE              
93. A e B.  CONFERENZA SUPER GLADIO MASSONERIE E POTERI DEVIATI nelle istituzioni dello Stato  e dibattito conseguente
Mostra altro
<< < 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 30 > >>